VINCIAMO INSIEME ANCHE QUESTA PARTITA – #DISTANTIMAUNITI

L’Italia che vince questa ennesima battaglia e non solo. Stiamo vivendo uno dei periodi più difficili della storia. In questi giorni il nostro Paese è completamente paralizzato a causa del Covid-19 che sta mettendo a repentaglio la salute di tutti noi. Questo brutto male, sta mortificando la vita quotidiana di tutti noi, facendoci vivere giornate di paura e apprensione.

Anche mondo del calcio non era preparato a questa emergenza. Come non lo era nessuno.

Oggi c’è da salvaguardare la cosa più importante che ci è rimasta, la nostra vita. Il coronavirus non guarda in faccia nessuno. Gli italiani stanno affrontando questa terribile situazione da grande popolo. in alcuni paesi europei si continua invece a sottovalutare la potenza del contagio. Nel nostro Paese i campionati sono stati sospesi fino al prossimo 3 aprile, anche se più che probabilmente questo stop forzato verrà ulteriormente prolungato.

In Serie A alcuni giocatori sono risultati positivi ai controlli. Molte squadre già da alcuni giorni si trovano in quarantena. In Spagna si stanno prendendo le giuste contromisure dopo i casi di Madrid, fermando la Liga.

Alcuni Paesi non hanno ancora intenzione di fermare i propri campionati. Su tutti l’Inghilterra nonostante i casi legati ad Arteta, tecnico dell’Arsenal e a tre giocatori del Leicester.

In Italia c’è stata maggiore responsabilità degli addetti ai lavori, tranne qualche eccezione. Il decreto porte chiuse, emanato inizialmente dal Governo, non è stato sufficiente per consentire al calcio italiano di proseguire l’attività agonistica. In maniera tardiva se n’è accorta anche la Uefa, che è giunta alla conclusione di rinviare tutte le competizioni europee. Positiva, tutto sommato, la reazione da parte dell’Italia del pallone. Diverse società e campioni che si sono attivati devolvendo del denaro agli ospedali. Cifre importanti per curarsi al meglio da questo male. Sospendere i campionati è stata una scelta dovuta, anche se qualcuno la pensa diversamente.

Gli interessi a prima della salute? Il riferimento è alle dichiarazioni rilasciate da Lotito, Spinelli e Gasperini prima dei casi di positività al covid 19, che hanno visto coinvolti alcuni giocatori di Serie A. Il massimo dirigente della Lazio, aveva addirittura affermato che si trattava di un complotto per non far vincere lo scudetto alla sua squadra. Il tecnico dell’Atalanta riteneva che il calcio servisse da anti depressivo in un momento delicato per il paese. Nelle parole di Gasperini c’è invece da evidenziare una poco conoscenza del problema e la superficialità  con la quale lo ha affrontato.

A parte quanto sopra il calcio ha risposto nel migliore dei modi di fronte a questa emergenza. Probabilmente il termine della stagione slitterà in estate, nel tentativo concluderla regolarmente. Rinviato al prossimo anno l’Europeo.

A prescindere dalle decisioni che verranno prese, oggi c’è solo da lottare tutti insieme per poi ripartire al meglio. Quando tutto questo sarà finito e torneremo tutti alla normalità, riempiremo di nuovo gli spalti di ogni stadio. Pronti a riabbracciarci per festeggiare un goal o per consolarci dopo una sconfitta della nostra squadra del cuore.

Ora tutti con un solo motto. Vinciamo anche questa partita.  #distantimauniti