UN APPLAUSO ALLA TERNANA CHE E’ GIA’ CAMPIONE D’INVERNO

    Ternana davanti a tutti alla fine del 2020, ma sarà comunque davanti a tutti anche alla fine del girone d’andata, tra due giornate, quando il campionato riprenderà le ostilità . Perché gli effetti del pareggio interno contro la Turris sono stati anestetizzati dal pari conquistato dal Palermo nei minuti finali del match con il Bari.

    Ieri, giornata di riposo per la Ternana è stata invece una giornata estremamente importante per i rossoverdi che rischiavano di vedersi il Bari a quattro punti. Invece la squadra di Auteri è rimasta a sei lunghezze e siccome la Ternana ha dalla sua lo scontro diretto d’andata, anche nella peggiore delle ipotesi per i rossoverdi (due loro sconfitte e altrettante vittorie dei pugliesi) la squadra di Lucarelli manterrebbe il “muso” davanti sulla retta d’arrivo.

    D’accordo, quella d’inverno conta niente perché poi ci saranno altrettante partite da giocare nel ritorno, però costituisce comunque un premio simbolico al gran lavoro svolto in campo e fuori dai rossoverdi, un riconoscimento alle splendide prestazioni fornite, all’imbattibilità mantenuta fino ad ora, unica squadra di serie C. E chiudere l’andata davanti a tutti darebbe un ulteriore spinta psicologica a Defendi e soci alimentandone in modo significativo l’autostima già lievitata nel corso dell’intero girone d’andata.

    Un bel Natale, calcisticamente parlando, per la Ternana che pure aveva mancato il record di vittorie assoluto della C scivolando sulla “buccia” Turris; scivolone a metà visto che Falletti con due perle aveva comunque evitato la sconfitta. Restano le undici vittorie messe in fila dalla Ternana (pareggiate le performance di Reggina e Cittadella in C ) e una lunga teoria di primati: gol segnati (41) come nessun altro in Italia, con 16 giocatori diversi. Senza contare che nonostante i due gol incassati da Pandolfi (Turris) la difesa della Ternana resta la meno battuta del girone.

    Insomma, numeri da capogiro per una squadra che ha saputo anche ovviare ad assenze pesantissime e perduranti. Basti pensare a Celli con non è ancora rientrato in lista, a Ferrante che ha giocato pochissimi minuti: due protagonisti della stagione passata. E poi nel finale out anche Kontek, Suagher, Mammarella, Defendi, Frascatore, Diakité: tutti difensori. Insomma una prova di forza importante che ha mandato un messaggio chiarissimo al campionato: la Ternana c’è e fa terribilmente sul serio. Chi vorrà contrastarla sa già che dovrà viaggiare ad una velocità supersonica perché gli uomini di Lucarelli non hanno alcuna intenzione di ridurre la pressione sul pedale del gas.

    Intanto si godono la meritata settimana di riposo legata alle festività natalizie. L’occasione che mi consente di augurarvi tanta serenità e anche un bel po’ di salute in questo periodo natalizio e nell’anno che verrà.

    La foto di copertina è ripresa da www.ternanacalcio.com

    Leave a Reply

    *

    code