TERNANA: PRIMA IL BARI ORA IL TERAMO, TRE PUNTI PER SPICCARE IL VOLO

    La giornata numero undici nel girone C della serie C ha chiarito due concetti che erano nell’aria ma aspettavano conferme definitive. Ad oggi la Ternana è la squadra più forte del girone, quella che propone il calcio più divertente e produttivo. E’ l’unica imbattuta di tuttala serie C, ha segnato più di chiunque altro e forse in Europa e peraltro subisce anche poco (6 gol). Domenica ha maltrattato a domicilio la squadra (Bari) indicata da tutti quale strafavorita per la vittoria del campionato. 

    Insomma, la Ternana è una realtà inconfutabile di questa prima parte della stagione e la sensazione che trasmette è sempre estremamente positiva: ti fa pensare che prima o poi il gol riuscirà a farlo, che ci sarà da divertirsi fino alla fine perché gioca a manetta guardando sempre la porta avversaria. Con due centrali difensivi dai piedi buonissimi, due terzini che attaccano e tre rifinitori alle spalle della punta avanzata è senza dubbio la squadra con maggiore vocazione offensiva del torneo.

    L’altra verità espressa dall’ultimo turno, o meglio dalla sommatoria delle partite giocate fi n qui, riguarda il Teramo. Secondo in classifica sembra giusto l’opposto della Ternana. Grande fase difensiva, subito ricerca della profondità, zero fronzoli e occasioni sfruttate al massimo. Tre tiri in porta nel recupero con il Foggia, due gol e vittoria in cassaforte. Quante occasioni ha costruito la Ternana per rifilarne tre al Bari? Una decina.

    Ma ora penserete , cosa c’entra il confronto tra Ternana e Teramo? Semplice. Sono le prime due della classifica. Una grande annunciata la Ternana, una squadra forte arrivata in ritardo (era tra le favorite l’anno scorso) il Teramo. E guarda caso domenica si troveranno nel primo faccia a faccia stagionale al Liberati per dirimere la questione. Se a vincere sarà la Ternana (sarebbe l’ottava di fila) inscenerà la prima mini-fuga. Dovesse farcela il Teramo rimetterebbe tutto in discussione. Il pareggio lascerebbe le cose come stanno con tutte e due (e l’aggiunta del Bari) a pieno titolo candidate alla serie B.

    Sembrerebbe tutto chiaro, anche troppo. Probabilmente non sarà così perché in questo campionato reso ancor più pazzo del solito dalla pandemia, sembra non esserci niente di scontato, così da fare immaginare che fino alla fine la competizione sarà tiratissima. Un motivo in più per star davanti a tutti, anche col minimo scarto. Perché la vetta a questa Ternana non sembra dare alla testa, piuttosto la sta rendendo consapevole delle proprie forze, coraggiosa ma non temeraria, allegra come ti può rendere la vittoria ottenuta dominando l’avversario.

    Unico dispiacere del momento è non poter vedere dal vivo i rossoverdi anche se l’operazione Cusano Italia Tv ha fatto il boom di consensi. Però la città è con la squadra e la squadra ogni giorno cerca di legarsi ad essa. L’ultima iniziativa, testimoniata dalle nostre foto, lo striscione di ringraziamento agli operatori dell’ospedale Santa Maria, consegnato nell’incontro di lunedì mattina. Un paio d’ore tolte alla giornata di libertà, due ore consegnate ad una città che ha ricominciato ad amare la propria squadra di calcio.

    Le foto sono tratte dal sito ufficiale della Ternana Calcio

    Leave a Reply

    *

    code