TERNANA: PLAY OFF PER LA QUARTA POSIZIONE O TOCCHERA’ AGLI AVVOCATI

    La nota diffusa dalla Ternana calcio a firma del suo vice presidente Paolo Tagliavento, a margine dell’Assemblea di Lega Pro di giovedì è chiarissima. “ il dato che maggiormente ci interessa è quello legato alla scelta della quarta promossa. Dall’assemblea esce per noi un dato fondamentale, 16 squadre di Lega Pro, Ternana inclusa, vogliono che i play off vengano disputati, seguendo il protocollo richiesto dalla Figc”.

    23 società, quindi non la maggioranza assoluta dei votanti come sarebbe necessario, hanno optato per la promozione del Carpi per meriti sportivi. Maggioranza assoluta che hanno invece ottenuto tutte le altre determinazioni del consiglio.
    La Ternana però non intende mollare, tutt’altro e la puntualizzazione di Tagliavento lo dimostra in modo inequivocabile quando afferma che “ tutte le proposte votate dall’assemblea dovranno essere vagliate dal consiglio federale il quale, sono convinto, prenderà atto che 16 società favorevoli e 17 astenute rappresentino un dato che la federazione stessa saprà prendere nella giusta considerazione”.

    Insomma, la Ternana rimanda tutto alla scelta decisiva del consiglio federale che, altro elemento da sottolineare, molto difficilmente avallerà il blocco delle retrocessioni visto che andrebbe ad incidere pesantemente anche nella sfera di pertinenza della Lega nazionale Dilettanti. Così come dovrà far valere i principi adottati nei confronti della Lega Pro anche nelle altre categorie, comprese serie B e A. Insomma, un problema di non facile soluzione visto che dall’assemblea della Lega Pro, di fatto, non sono giunte soluzioni vere e proprie, idee per la revisione dei format dei campionati auspicata un po’ da tutti i soggetti attivi di un calcio, come quello italiano, estremamente malato, indebitato fino al collo (2,5 miliardi di euro) ma incomprensibilmente legato ad un numero abnorme di società professionistiche come non si registra in nessun altro paese europeo.

    La nota di Tagliavento però non ha allargato più di tanto gli orizzonti sul pensiero che nei giorni scorsi, anche attraverso “il Graffio” il presidente Stefano Bandecchi aveva illustrato con estrema chiarezza.
    Però, l’ex arbitro internazionale, non si è negato un affondo finale sulla questione play off che apre ad uno scenario niente affatto rassicurante per chi governa il calcio italiano e in particolare quello di Lega Pro.
    “Pertanto – conclude la propria nota Paolo Tagliavento – qualsiasi altra decisione assunta, ci vedrebbe costretti ad adire le vie legali”.

    Duro, incisivo ed estremamente chiaro.

    La Ternana non accetterà soluzioni pasticciate che la danneggerebbero. Ha già subito una grossa ingiustizia un paio d’anni fa con la questione ripescaggi in serie B, non intende subire ancora. Conoscendo Bandecchi se sarà battaglia, sarà dura per tutti. E sarà una battaglia di legalità a difesa di quegli imprenditori che investono nel calcio rispettando le regole (dalle iscrizioni ai pagamenti degli stipendi) e quei tifosi che con la loro passione continuano a sostenerli.

    Leave a Reply

    *

    code