Ternana anemica, Vantaggiato batti un colpo

Lo 0-0 contro la Sambenedettese ha portato in dote un aspetto positivo: per la prima volta dopo quattordici partite, la Ternana ha chiuso senza incassare un gol. Certo, continua a mancare la vittoria nel 2019 però aver dato una sistemazione, pressoché definitiva, alla fase difensiva consente a Fabio Gallo di lavorare con più forza sulla manovra offensiva. Perché, sistemata la difesa con i quattro (il rientro di Giraudo dovrebbe garantire la giusta spinta anche a sinistra) ora c’è da dare sostanza ad un attacco diventato decisamente anemico. Un solo gol segnato da quando Gallo si è seduto sulla panchina rossoverde, con Diakité a Rimini. Uno score che pone sul banco degli imputati soprattutto gli attaccanti e un reparto, quello offensivo, che in partenza era considerato il punto di forza della Ternana.

Con Vantaggiato, capocannoniere del girone B nella passata stagione, con Marilungo (dieci gol in serie B) e poi ancora Bifulco, Frediani e via dicendo.
Ma a ben vedere, in una stagione disgraziata, tra gli attaccanti l’unico che ha fornito un rendimento decente è stato proprio Guido Marilungo con i suoi otto gol, quasi tutti messi a segno nella prima metà del torneo. Frediani e Bifulco hanno aggiunto anche qualche gol giocando da esterni alti o da seconda punta (nell’ultimo periodo). E’ rimasto desolatamente e imprevedibilmente al palo Vantaggiato. Per lui un gol, il più bello della stagione, in rovesciata. Poi più niente. Anzi, un rigore sbagliato che, se segnato, avrebbe significato molto nella stagione della Ternana e poche altre opportunità andate a vuoto.

Vantaggiato è proprio il simbolo della delusione rossoverde. Per i gol non fatti, per le prestazioni quasi sempre insufficienti, fornite fin qui. Eppure era l’elemento più atteso, uno dei primi acquisti del mercato estivo, un uomo chiave. Che invece chiave non è stato tanto da perdere spesso il posto in squadra. A De Canio la piazza rinfacciava anche il poco utilizzo dell’attaccante brindisino. Ma con Calori che l’ha sempre fatto giocare la risposta venuta dal campo non è stata quella auspicata. Idem con Gallo che però ultimamente preferisce farlo entrare dalla panchina visto che in serie C con cinque cambi a disposizione è davvero possibile cambiare la partita in corsa.
Però anche nelle ultime uscite il contributo di Vantaggiato (come di altri subentranti) è stato decisamente insufficiente. Gallo non ha fatto fatica a sottolinearlo anche nel rispetto di chi, invece, anche da panchinaro ha saputo fornire un contributo adeguato.

Però il tecnico non può che continuare sulla strada intrapresa: cercare le prestazioni e i conseguenti risultati attraverso il gioco. Perché la Ternana è squadra costruita per giocare al calcio e non ha né la mentalità né le qualità per impostare partite di esclusivo contenimento rifugiandosi nei lanci lunghi verso gli attaccanti. Deve giocare, arrivare alla conclusione attraverso una manovra studiata, provata in allenamento. Nelle ultime due partite c’è riuscita ma non ha saputo trarne i frutti sperati.

Ecco perché a questo punto diventa fondamentale migliorare l’ultimo aspetto, compiere un decisivo salto di qualità nelle scelte di gioco sulla trequarti avversaria e nella precisione al tiro.
La palla passa quindi agli interpreti, in primo luogo agli attaccanti. Ora debbono essere loro a battere un colpo decisivo. Marilungo non ha trovato il gol ma ha lottato e corso per quattro giocando per la squadra. Vantaggiato ha reso poco, troppo poco per uno della sua qualità e con la sua storia. Il suo è stato fin qui un campionato deficitario. Sta a lui riuscire a dargli un senso.

 

Leave a Reply

*

code