SERIE D GIRONE I : CITTANOVESE AL COMANDO, CADE L’ACIREALE. VOLA L’ACR MESSINA

Dopo appena quattro giornate disputate, nel girone I del campionato di Serie D, la classifica inizia a delinearsi, mettendo in evidenza i valori di ogni formazione. La Cittanovese conquista la terza vittoria consecutiva sul campo del Sant’Agata, vittoria che gli consente di volare solitaria in vetta. Il primo posto attuale dei giallorossi, di Pietro Infantino (nella foto di copertina), non è da ritenersi una sorpresa. Soprattutto se consideriamo il loro potenziale offensivo che sta facendo la differenza.

Cade l’Acireale, sconfitto nel big match in casa dell’Acr Messina, con i giallorossi che grazie a questi tre punti conquistano il terzo posto. Per gli acesi di mister Pagana, una brutta battuta d’arresto che li costringe a dover rincorrere il primato. Se l’Acr sorride, non può dire lo stesso l’altra messinese, la Fc che ha visto debuttare sulla propria panchina il tecnico Pino Rigoli. Giuffrida e compagni non vanno oltre lo 0-0 a Santa Maria.

Un risultato che frena la corsa al vertice dei giallorossi chiamati, da subito, a dare continuità ai loro risultati, specie in trasferta. Si conferma matricola terribile il Dattilo, vittorioso ai danni del fanalino di coda Roccella, sempre più in difficoltà. 

Come lo scorso anno, parte forte il Biancavilla, corsaro a Ragusa, dove conquista tre punti che gli consentono di posizionarsi al secondo posto ad un punto dalla capolista Cittanovese. Nella lotta salvezza, primo successo stagionale per il Troina che dimostra di essere un’altra squadra tra le mura amiche. Imponendosi sul Gelbison, al momento una delle delusioni in questo avvio di stagione.

Termina in parità con una rete per parte, la sfida tra Rende e Rotonda. Le due formazioni si dividono la posta che non fa felice a nessuno, ma che ribadisce ancor di più il momento di difficoltà di entrambe.

Non si sono disputate a causa covid, Licata – Paternò e San Luca – Castrovillari. Questo quarto turno, ci ha ribadito che sarà un campionato equilibrato su tutti i fronti, dove nulla sarà scontato fino alla fine. Le sorprese non mancano. Bisognerà capire che ruolo potranno avere le due siciliane, Biancavilla e Dattilo, entrambe partite forte e determinate a voler stupire.

Nei bassi fondi fa specie vedere questo giovane Rende in difficoltà, mentre ci attendiamo una risalita del Troina, compagine che in questi anni ci ha abituato a ben altro. Gara dopo gara, è facile attendersi ribaltoni e sorprese. E’ proprio questo il fascino di un girone che vedrà tante squadre protagoniste che cullano il sogno di conquistare il professionismo.