SERIE D, CAOS ACR MESSINA: SCIOTTO SU TUTTE LE FURIE, BIAGIONI PER LA PANCHINA

In casa Messina c’è sempre più tensione. Rabbia in tutto l’ambiente. Specie dopo il pesante ko rimediato domenica scorsa, nel deserto del “Franco Scoglio”, contro l’Acireale, che ha complicato ancora di più la situazione dei peloritani. Il presidente dei giallorossi, Pietro Sciotto, è su tutte le furie dopo l’ennesima umiliazione subita sul campo, figlia soprattutto di una cattiva gestione societaria che lo stesso Sciotto dovrebbe riconoscere. Con onestà .

La sconfitta subita con la formazione acese, fa riemergere le solite problematiche, con il massimo dirigente del Messina che come al solito è bravo a prendersela con tutti. Come abbiamo spesso assistito nel corso della sua gestione. Sciotto contro tutti, a partire dalle istituzioni (Comune assente in commissione di vigilanza, si gioca a porte chiuse), passando per l’ex direttore sportivo, Adriano Polenta, andato via lo scorso 25 settembre. Nulla da dire, stranamente, sul direttore generale Raffaele Manfredi, il quale ha anche lui le sue responsabilità su questo disastro.


Il primo a pagare dovrebbe essere il tecnico. Pietro Infantino, era già in bilico da diverse giornate. Nelle prossime ore potrebbe ricevere il ben servito. Al suo posto sarebbe già pronto Oberdan Biagioni. Cercato a giugno dai giallorossi, senza però trovare un accordo tra le parti. Vedremo nelle prossime ore come si evolverà la situazione nel club dello stretto. E’ giunto il momento di fare chiarezza. Perché non basta alzare la voce quando le cose non vanno bene. Quando invece , alla base, mancano idee e programmi per rilanciare il calcio a Messina.