MONDIALI UNDER 20, AZZURRI IN SEMIFINALE: LA GIOVINE ITALIA FA BEN SPERARE

Il calcio italiano da diversi anni non vive un buon momento. Troppe le delusioni avute sia con i club, nelle coppe europee, che con la Nazionale, oltre al fatto che la nostra Serie A non è più competitiva come un tempo. Ad ogni sconfitta non si è fatto altro che proclamare l’ennesima rivoluzione.

Solo parole che non hanno mai avuto alcun riscontro nei fatti.

Nell’ultimo anno sembra si stia iniziando a cambiare, specie con l’arrivo di Roberto Mancini alla guida della Nazionale. Bravo a ripartire da zero e pronto a sposare la linea verde dei giovani. Questa politica adottata dal commissario tecnico azzurro, è figlia di quanto c’è ancora di buono nella nostre Nazionali giovanili. In particolare dell’Under 20 di mister Nicolato. La squadra che è protagonista assoluta al Mondiale in Polonia, dove i nostri ragazzi hanno conquistato il passaggio alle semifinali. Fase nella quale troveranno l’Ucraina.

Viviamo in un’epoca per nulla facile per i giovani, ai quali sarebbe propedeutico fosse concessa un’opportunità. Quella opportunità che questa questa Under 20 sta sfruttando al meglio, stupendo veramente tutti.

Alla vigilia di questo mondiale, la nostra rappresentativa non era certamente data tra le favorite. Per di più arrivata in condizioni non ottimali. Il campo sta dimostrando l’esatto contrario. La vittoria ottenuta venerdì scorso, nei quarti di finale, ai danni del temibile Mali,  ha confermato che abbiamo tanti giovani talenti che possono garantire un futuro roseo al nostro calcio.

La maggior parte di questi ragazzi militano in categorie inferiori, mentre altri non giocano affatto tra i titolari nelle rispettive prime squadre. Questo è dovuto al fatto che in Italia non si ha il coraggio di puntare sui giovani come avviene in molti Paesi del resto d’Europa. Una mentalità che andrebbe cambiata. Probabilmente questo mondiale ci sta facendo aprire gli occhi e ci porterà ad una svolta definitiva.

In questo mondiale polacco, a prescindere da come si concluderà per i nostri azzurrini, ci son da fare i complimenti a tutti. Fa piacere vedere alcuni nostri campioni in erba confermare le aspettative. Basti pensare al portiere Plizzari, destinato ad essere il futuro del Milan, a Pinamonti che sta dimostrando ancora una volta di essere un grande attaccante, su cui l’Inter dovrà puntare. Bene anche il romanista Pellegrini nel ruolo di mezzala.

Tra le sorprese, il difensore Gabbia, scuola Milan, che quest’anno si è fatto valere in Lega Pro con la maglia della Lucchese. Lo stesso Esposito, di proprietà della Spal, pronta a riabbracciarlo dopo la stagione in prestito al Ravenna. Tutti, questi ragazzi, rappresentano la concreta possibilità di un futuro migliore anche per la nostra nazionale maggiore.

Resta all’intero sistema calcistico la scelta di farne buon uso se vogliamo realmente tornare sul tetto del mondo.