LONDROSI: LE CHIACCHIERE PROVENIENTI DA VIA DI DIACCETO HANNO ORMAI STUFATO

    Ricevo da massimo Londrosi e esaudisco con piacere il suo desiderio. Non riseco ad esimermi da una considerazione: siamo proprio arrivati alla frutta…
    Caro Vittorio,
    conosco ed apprezzo la tua schiettezza ed il tuo coraggio nel denunciare le malefatte del mondo del calcio e perciò ti voglio segnalare una vicenda. Domenica pomeriggio ho rilasciato alcune dichiarazioni al portale Tuttoc.com inerenti quelle che ritengo alcune manchevolezze circa i controlli che Figc e Lega dovrebbero effettuare in occasione del passaggio di quote di società o dell’acquisizione delle stesse da parte di nuovi soggetti.
    Si tratta della cosiddetta onorabilità.
    Tuttoc.com però, con un messaggio inviatomi dal direttore Ivan Cardia, ha tuttavia rifiutato di pubblicare tali dichiarazioni.
    Ormai non mi meraviglio più di nulla circa tutto quello che ruota attorno al mondo della Lega Pro, lo considero un vero e proprio atto di censura e proprio perchè tale atto non deve, per un senso di giustizia, andare a buon fine, chiedo spazio al tuo blog per rendere le stesse dichiarazioni che qui riporto:
    ” Ci sono situazioni oggettivamente di grande opacità e poca trasparenza circa le proprietà e le compagini societarie di un numero non insignificante di club di serie C. Stampa e siti specializzati, blog e altri mezzi di informazione ne hanno già dato notizia, rilevando stranezze e documentando il rientro di personaggi già protagonisti di disavventure e crack, il tutto sotto la regia di qualche faccendiere già noto alle tristi cronache di anni recentissimi.
    Figc e Lega hanno il dovere di intervenire e verificare il rispetto delle normative vigenti in tema di onorabilità. A distanza di giorni e settimane dal concretizzarsi di passaggi di quote e trasformazioni societarie non risulta che tali controlli siano stati effettuati. Cosa aspettano? Che si arrivi già alle prime scadenze ed ai primi stipendi saltati?
    Il presidente Ghirelli nei giorni scorsi, per giustificare la norma delle liste giocatori a 22, ha affermato che occorre dare un segnale di volontà di contenimento dei costi al Governo che ha concesso agevolazioni fiscali impattanti sul nostro mondo, ad esempio il credito d’imposta sulle sponsorizzazioni.
    Domanda: il presidente Ghirelli ritiene che il Governo sarà contento di sapere che, tra le 60 società di serie C per cui sta producendo atti legislativi per aiutarne la sopravvivenza, ve ne sono alcune amministrate realmente o di fatto da soggetti coinvolti in precedenti fallimenti?
    Sarà contento di constatare che la proprietà di altre è schermata da prestanome (e di chi ancora non si sa)? Sarà contento di rilevare che nessuna attività di controllo e nessun intervento è stato posto in essere seriamente per impedire tali attività?
    Per impedire che soggetti dal pregresso non proprio limpido e non solo in campo sportivo assumano ruoli rilevanti in società di calcio appartenenti alla Lega Pro? Dico di no, che non sarà contento. È ora di atti concreti.
    Le chiacchiere provenienti dalle parti di via Jacopo di Diacceto ormai hanno stufato”. 

    Leave a Reply

    *

    code