LA SQUADRA VOLA E BANDECCHI INVESTE PER IL FUTURO

TERNI – Stefano Bandecchi investe. Lo ha fatto in passato sulla squadra, tanto e senza grossi risultati (eufemismo) ma di pari passo è andato con gli interventi strutturali, quelli tesi a garantire un futuro con qualche certezza in più alla Ternana. Dopo il manto del “Liberati” e quello dell’antistadio “Taddei”, dopo la foresteria che ha trovato la propria location, come la sede, nel fabbricato dell’istituto Leonino, è arrivata la convenzione con la Provincia di Terni per la gestione venticinquennale dell’impianto polifunzionale “Perona”.

Il progetto ambizioso prevede la realizzazione di un campo da undici con sintetico di ultima generazione, uno da cinque e uno da sette. Ovviamente comprensivi di spogliatoi vecchi (ristrutturati) e nuovi. Il vicepresidente del club, Paolo Tagliavento si è definito “orgoglioso dell’operazione andata in porto con la Provincia che garantirà una casa sicura al settore giovanile della Ternana”.
Tante squadre, quelle del vivaio, costrette a girovagare in diversi impianti comunali. Certo, c’era e resta in piedi il progetto del centro sportivo “Ternanello” con area da tempo disponibile per strutture sportive e annesse quote di residenziale, direzionale e commerciale. Ma quello è un investimento da tre o quattro milioni. Rischioso quindi in un periodo di recessione di tutto il comparto edile. Da qui la virata sulle strutture della Provincia che, stando alla cronoprogramma della Ternana, dovrebbero essere pronte per l’inizio della nuova stagione.

Ho dedicato l’apertura di questo editoriale a una notizia che ha poco a che vedere con il calcio giocato, ma che considero  fondamentale per garantire un futuro solido alla Ternana e che mette nella giusta luce l’impegno di un imprenditore, quasi nuovo per il mondo pallonaro, che alle parole ha sostituito i fatti. Proprio in un periodo in cui, soprattutto in serie C, tornano d’attualità le vicende estremamente critiche di società che erano e restano sull’orlo del fallimento. Situazioni che oltre a togliere il calcio a città importanti, rischiano di gettare ombre sinistre sulla regolarità di un torneo che resta bellissimo, soprattutto per quel che riguarda la lotta al vertice.
Infatti, è vero che la Reggina non perde un colpo ma è altrettanto vero che non può permettersi distrazioni visto che alle sue spalle fanno altrettanto Ternana, Monopoli, Potenza e Bari, piazzate nell’ordine in classifica alle spalle della capolista.

La Ternana di Fabio Gallo ha vinto con pieno merito anche il confronto con la Paganese regalando momenti di bel calcio con varianti tattiche davvero interessanti. Il tecnico continua a ruotare gli uomini della propria rosa ottenendo risultati estremamente confortanti.
Il presidente, al suo posto nella panchina aggiuntiva, se n’è andato soddisfatto dopo essersi complimentato con la squadra e aver chiesto da qui alla fine del girone d’andata altri quindici punti.
Il pieno insomma. E Gallo? “Niente di nuovo visto che la settimana scorsa me ne aveva chiesti diciotto”.

Nella foto di copertina Stefano Bandecchi con Paolo Tagliavento