LA REGGINA DI BARONI VA, ORA ARRIVA IL BELLO

La Reggina di mister Baroni, vincendo in maniera netta sul difficile campo del Venezia, vede vicino l’obiettivo salvezza e allo stesso tempo entra in corsa per un possibile posto ai play off. Scenario che solo alcuni mesi fa in pochi avrebbero potuto immaginare, ma l’esperto tecnico fiorentino, in silenzio e con tanto lavoro, è riuscito a plasmare una Reggina diventata oggi squadra a tutti gli effetti.

Vittorie come quelle ottenute, contro avversari del calibro di Spal, Monza e Venezia, giusto per citare le più importanti, sono frutto della giusta mentalità e di una buona organizzazione di gioco.

Quello che piace di questa Reggina è che non rinuncia mai a giocare, portando sempre tanti uomini in area avversaria. Le novità tattiche apportate da Baroni, abbinate a degli arrivi funzionali nel mercato di gennaio, hanno trasformato una Reggina che non ha nulla a che vedere con quella vista nel girone d’andata. Il tecnico amaranto ha imposto poche regole, ma chiare, che lo hanno portato a gestire al meglio pezzi da novanta come Menez, Denis e Bellomo, i quali si sono messi a disposizione con grande professionalità.

A sette giornate dal termine, gli amaranto sono pronti a vivere questo rush finale da assoluti protagonisti.

Con la salvezza aritmetica sempre più vicina, ci sono tutti i presupposti per centrare i play off, traguardo che premierebbe appieno l’operato di società e squadra. Per la Reggina un’altra sfida in terra veneta, nel pomeriggio di pasquetta contro il Cittadella, gara che offre la possibilità di insediare sempre più le prime otto posizioni.

L’obiettivo è dare seguito a questo percorso di crescita, proseguendo su questa strada che dovrà condurre al raggiungimento di importanti traguardi. Gli amaranto non devono precludersi nulla, l’obiettivo da porsi gara dopo gara deve essere sempre quello di fare meglio. In questo girone di ritorno gli amaranto viaggiano ad una media punti da primissimi posti.

Sette partite da qui alla fine, per comprendere questa Reggina cosa può ancora fare, considerato che ci sono tutti gli ingredienti per andare lontano. Con questa solidità difensiva e la qualità degli esterni, gli amaranto rappresentano un pericolo per chiunque. Il futuro in casa Reggina inizia adesso, le basi sembrano esserci tutte. Sarà importante, dare continuità ad un progetto che potrà riportare gli amaranto ad essere protagonisti ad alti livelli.

Qualità, mentalità e carattere, deve essere sempre questa la Reggina del presente e del futuro.