IL MERCATO NON DISTRAE LA TERNANA CHE MEDITA UN RITORNO A TUTTO GAS

La Ternana ricomincia da 46. Tanti sono i punti messi insieme nel girone d’andata. E sono 46 anche i gol segnati con 17 giocatori diversi: Falletti e Partipilo con 9 a testa sono i più prolifici, Vantaggiato (nella foto più sotto) a quota 8 insegue ad un passo. Ternana che ha segnato tanto ed ha subito poco, 12 gol soltanto, come nessun altro nel girone. Queste le cifre della prima metà del campionato chiusa con un’imbattibilità che è unica in tutto il calcio professionistico italiano.

La domanda allora giunge spontanea. E’ possibile migliorare questo organico? Difficile anche perché il tecnico, Cristiano Lucarelli (nella foto di copertina) sul tema è stato chiarissimo: “A me sta benissimo andare avanti con questo gruppo. Se qualcuno chiederà di cambiare aria, magari per avere più opportunità o magari ottenere un contratto di maggiore durata cercheremo di accontentarlo”.

Ma oggi chiedere a Lucarelli del mercato sarebbe sbattere contro un muro perché il tecnico non vuole distrazioni né per se né tantomeno per la squadra. “C’è da giocare un intero girone e non possiamo concederci cali di tensione. Dobbiamo ripartire pensando ad una partita alla volta con l’intento di ottenere sempre il massimo. Fa piacere essere inseguiti piuttosto che fare gli inseguitori ma sappiamo che il Bari e tutti gli altri faranno di tutto per cancellare il gap attuale”.

Mercato quindi che difficilmente proporrà novità importanti. “Il mercato invernale costituisce un’opportunità e noi siamo vigili. Dovesse presentarsi l’occasione giusta cercheremo di non farcela scappare anche se oggi dobbiamo fare i conti con i numeri della rosa, valutare al meglio le condizioni di Celli che, causa infortunio patito nella partita di play off con il Bari della passata stagione, ha dovuto saltare la prima metà del campionato”.

Da qui la considerazione che ogni eventuale nuovo ingresso dovrà essere pareggiato da un’uscita. A questo riguardo potrebbe cambiare casacca Bergamelli che piace al Gubbio e non solo. Il difensore era stato reintegrato a causa delle contemporanee assenze di diversi difensori.

Nella fase di emergenza in difesa Lucarelli ha scoperto un eccellente Salzano nel ruolo di difensore mancino ma ora sono al rientro anche Mammarella e Frascatore (oltre al possibile ritorno del già citato Celli), così come Russo e Suagher (quest’ultimo a segno contro la Juve Stabia) hanno surrogato al meglio le assenze di Kontek e Boben. Potrebbe tornare quindi l’affollamento nel reparto difensivo e la conseguente richiesta di cessione da parte di Bergamelli e qualche altro.

Intanto Marilungo rientrato dal prestito al Monopoli è passato alla Carrarese e anche in avanti è difficile immaginare novità anche perché Ferrante, praticamente inutilizzato fin qui, è tornato nelle migliori condizioni. E’ stato l’attaccante più prolifico nella passata stagione: può dare una grossa mano nella seconda metà del torneo.

Anche perché Lucarelli ha saputo coinvolgere al meglio tutti gli elementi della rosa con rotazioni importanti che non hanno mai ridotto il rendimento della squadra: ultimo esempio domenica scorsa a Castellamare quando si è presentato senza Palumbo, Proietti e Partipilo per scelta, senza Boben e Mammarella infortunati. Ma la Ternana ha giocato una grande partita, la migliore del campionato, secondo Lucarelli che aspetta adesso una prova ancora contro la Viterbese in quella che considera “la partita più difficile del girone di ritorno”.

Le foto sono riprese da www.ternanacalcio.com