IL CALCIO NOSTRANO? MEGLIO TIRARE A CAMPARE CHE … TIRARE LE CUOIA

“Meglio tirare a campare che … tirare le cuoia”. Questa è una vecchia massima, di Giulio Andreotti (nella foto di copertina), che rimase nella storia. A me pare che sia, tuttora, di grande attualità.
Il messaggio era inviato a Ciriaco De Mita che sollecitava la politica verso le elezioni anticipate.
Giulio fece capire che mantenere le poltrone, senza stravolgimenti e cambiamenti, è sempre la cosa migliore …
E così anche la nostra governance calcistica, fra Gabri e il vecchietto di Gubbio, si è adeguata all’insegnamento andreottiano.

Ma andiamo con ordine.

Primo in questa speciale classifica è il Ghirelli nazionale. Quello dei pulmini e dei campanili. Tanto per intenderci. Il vecchietto da Gubbio ha superato se stesso.
Dopo le figuracce infilate in questi mesi in cui: ci si ferma, anzi no! Si gioca tutti, anzi no! Volete l’assemblea, anzi no, non c’è tempo! Un pastrocchio di regole saltate. Di norme inventate in corso di campionato. Siamo infine arrivati a promozioni dirette. Ai play-off a caso. A retrocessioni senza giocare.

Per me dei Graffi è un vero mistero:

Ma quale è la logica di far riprendere a giocare, ma non di dare la possibilità, a chi è ultimo in classifica, di salvarsi?
Lo sa il vecchietto che finire nei dilettanti vuol dire perdere il patrimonio dei giocatori?
Si può sostenere, in barba all’articolo 53 delle NOIF, che si può non partecipare ai play-off senza conseguenze? Lo 0-3 senza altre conseguenze, nemmeno una ammenda, è soltanto aria fritta.
Nel frattempo i fantasmi della Lega c (minuscolo) “colabrodo” si aggirano per il nostro mondo pallonaro.
Catania? Istanza di fallimento della Procura della Repubblica.
Casertana, Siena …
Anzi no, chiede venia, il Siena è contento di essere stato penalizzato.

Ma che dici, Vittorio, sei impazzito?
Affatto, cari amici miei. E mi spiego. Con la penalizzazione, il Siena passa dal quinto al sesto posto della classifica cristallizzata.  Si trova, quindi, abbinato all’Arezzo, che ha rinunziato ai play-off per mancanza di fondi e … voilà. Primo turno già superato per i bianconeri toscani.

Ditemi voi se è possibile andare avanti così. E stiamo argomentando di un campionato che dovrebbe essere professionistico …
Poi c’è la figura di questo incapace. Senza dignità. Smentito dal Presidente Federale, dall’Associazione Italiana Calciatori e dai pulmini. Oltre che dai suoi stessi presidenti.

Si è dimesso, dopo i brillanti risultati ottenuti?
Ma figuratevi. Meglio (molto meglio…) tirare a campare …

Quindi nel presente, quando oramai è inutile, lunedì prossimo facciamo una bella assemblea di Lega (si quella richiesta da 12 presidenti l’1 Giugno). La facciamo il 22. Meglio a distanza …
Ma a che serve?
Leggo nell’ordine del giorno al punto 4) “su richiesta di alcuni club associati delibera e discussione con riferimento alla prosecuzione, modifica e interruzione del campionato di Serie C e proposte conseguenti da presentare al Consiglio Federale.”

Ghirelli (nella foto qui sotto) ma sei sveglio? O ti ritieni più furbo del prossimo?

Questa assemblea serviva prima del Consiglio Federale dell’8 Giugno scorso, oramai è tutto deciso.
Il papocchio l’hai creato, hai dimostrato, ancora una volta, quello che sei capace di fare …
Ma che ci vuoi raccontare ancora? L’etica e i campanili?

Proprio senza vergogna!

Approfitta allora dell’assemblea per dirci che fine abbiano fatto le delibere che hanno deciso il tuo compenso. Quello dell’ottimo segretario. Quello dello stratega del marketing e della signorina addetta ai rapporti istituzionali …
Spiegaci che iniziative hai preso per recuperare i soldi delle società, che si è preso Macalli e che deve restituire da anni. Vuoi forse che cada tutto in prescrizione?

Dacci lumi, finalmente, sulla situazione della sede, per la quale paghi sia il mutuo della Calcio Servizi che una indennità di occupazione …
Basta con il tirare a campare.
Ma te lo ricordi il programma elettorale?
Non ti permettere di prendere la pandemia come scudo. Perché sarebbe immorale.

Te lo sei scordato? Allora ci pensiamo noi dei graffi a rammentartelo.

E allora, ecco i punti fondamentali :
-il semiprofessionismo ( ah va bè, risultati zero, è diventato un motivetto ripetitivo);
-più risorse, milioni in più dalla Legge Melandri. (sì buonanotte, chiedete ai Presidenti quanti milioni hanno avuto in più).
E poi sempre a pagina 3 del programma elettorale (della serie le frottole si sprecano):
-abbattere i costi;
-stadi accoglienti per i tifosi e sicuri;
-una Lega di servizi per i club.
“L’intelligenza deve essere all’interno della struttura. Quando fare? Ieri!!!
Abbiamo di fronte solo due anni lavorativi: FARE e non parlare. Al termine si farà la verifica e se i conti non tornano tutti a casa!!!”

Caro il mio Franceschino, i conti non sono proprio tornati….

Ma visto che non hai dignità e non ti sei ancora dimesso, i presidenti di questa povera Serie c, lunedì potrebbero raccogliere le forze e accomodarti fuori.

Sarebbe sempre e comunque troppo tardi.

Anche Gabri Gravina, attuale eroe pallonaro italiano che è riuscito a far ripartire il calcio (è stata la Serie A, sentite a me, se aspettavano Gabri facevano Natale) non mi pare che abbia cambiato registro …
Qui nell’attuale disastro economico il nostro continua ad elargire stipendi da favola ai vari Valentini, Santoro e compagnia. A botte di 10.000 Euro/mese.
Per fortuna che non c’è più la ragazza Risk Manager, ma il ruolo lo ha preso l’ottimo Avvocato Viglione. Qui non si risparmia niente …

Anzi. Mi dicono i bene informati (si sa le voci corrono) che il responsabile del digital Giovanni Sacripante, sta per entrare anche lui nella top class degli eletti. Quelli da 10.000 Euro/mese.
Che cosa ci faccia la Federazione con tutti questi dirigenti nell’area marketing è mistero da scoprire. Che stiamo tutti chiusi in casa, lavoriamo smart working, non ci sono partite della nazionale.

Ma si sa, dai Vittorio.

Si vede che Sacripante è utile. Per le elezioni? Per la UEFA? Chi lo può dire…o negare!
Il ruolo? Ma si sa come funziona (?!?!) nella Federcalcio di Gravina.
Si assegna il posto di Football Data Integration. Oppure responsabile dell’Area Business.

Ma le riforme dei campionati, i format, i pesi elettorali?
…Meglio tirare a campare … (direbbe, ancora, il mio amico Giulio).