GIRONE I: ACR PER IL PRIMATO, SAN LUCA E DATTILO PER LA STORIA. TIENE MARINA DI RAGUSA

    Domenica torna di scena il girone I del campionato di Serie D, rimasto fermo nelle ultime settimane per dare spazio alle tante gare di recupero. Nel giro di una settimana si dovranno disputare le ultime tre giornate, che dovranno stabilire il primato, la lotta play off e quella riguardante la salvezza .

    La capolista Acr Messina è chiamata a difendere i quattro punti di vantaggio sui cugini della Fc che non hanno alcuna intenzione di mollare. La squadra di Novelli, ha dimostrato qualità ed esperienza nel corso dell’intera stagione, proprio per questo ha tutte le carte in regola per mantenere il primato fino alla fine. Centrando così il tanto atteso ritorno nel professionismo.

    Con l’annullamento dei play out, molte formazioni non hanno più nulla da chiedere a questo estenuante campionato, ma alcune di loro puntano alle prime cinque posizioni che darebbero la possibilità di giocarsi i play off. L’attenzione è rivolta soprattutto all’Acireale e alle due matricole terribili San Luca e Dattilo. Tra queste tre formazioni una rimarrà fuori dai giochi, infatti lo scontro diretto tra Acireale e Dattilo diventa davvero decisivo. Il San Luca di Ciccio Cozza, a prescindere dall’esito del derby tra le due siciliane, ha l’obbligo di riscattare il ko di Biancavilla sul campo della deludente Cittanovese, non ancora salva. Il San Luca dopo una stagione entusiasmante, non vuole rinunciare a scrivere un’altra pagina storica.

    Per la compagine calabrese, centrare i play off al primo anno in Serie D rappresenterebbe un risultato straordinario che premia l’organizzazione e la capacità di una società che ha ampiamente dimostrato di saper fare calcio.

    Riguardo la lotta salvezza, come già detto in precedenza, pur non essendoci i play out, i giochi non possono in alcun modo considerarsi ancora chiusi. Il Marina di Ragusa, penultima classificata, è ancora viva e sta mettendo in apprensione diverse formazioni, costrette a doversi guardare alle spalle. Soltanto tre punti dividono i siciliani dalla zona salvezza, traguardo che in queste ultime tre giornate non è poi così impossibile da raggiungere.

    Chiaro che in questo momento è meglio non essere dalla parte di chi insegue, Marina di Ragusa proverà fino alla fine a centrare un’impresa che sarebbe davvero epica. Le pressioni a questo punto sono tutte dalla parte di Città di Sant’Agata, Rende e Cittanovese, obbligate a conquistare i punti necessari per garantirsi la permanenza in categoria.

    Ci si attende un rush finale, davvero emozionante, che chiuderà una stagione dura e difficile, condizionata da questa pandemia che non ha risparmiato nessuno. L’auspicio è quello di poter ripartire nella prossima stagione in assoluta normalità, mettendo al centro di tutto l’aspetto sportivo, condito dalla passione dei tifosi sugli spalti. Da oltre un anno se ne sente una forte mancanza.

    Leave a Reply

    *

    code