GIRONE C, LE INSEGUITRICI DELLA INARRIVABILE REGGINA

In un campionato dominato dalla Reggina, tracciamo un primo bilancio su questo girone di andata, che si concluderà domenica. Il girone C è senz’altro IL più difficile della terza serie. Certamente per le tante corazzate presenti, ma anche per il fatto che non sempre è sufficiente avere qualità se non si ha una certa personalità per andare a giocare in campi definiti agonisticamente caldi.

Al giro di boa  ci saremmo aspettati più equilibrio per la lotta al vertice, invece la Reggina è sempre più in fuga solitaria. Alla vigilia i pronostici davano il Bari come possibile regina del campionato, soprattutto dopo il mercato faraonico della famiglia De Laurentiis. Come spesso accade, il campo è  in grado di smentire ogni pronostico tanto da vedere, oggi , i galletti a -10 dalla vetta.

Nell’elenco delle favorite c’era anche la Ternana, una new entry di questo girone. La pecca più evidente degli umbri è stata quella di aver fallito alcuni match importanti. Chi merita i complimenti in assoluto è il Monopoli, oggi solitario al secondo posto. L’ottimo risultato dei biancoverdi, è frutto di una grande organizzazione societaria, che si abbina alla sapiente guida tecnica di mister Scienza. Il Monopoli è una delle poche realtà positive del calcio italiano, in grado di dimostrare che si può fare bene con una gestione finanziaria equilibrata.

Insieme al Monopoli si conferma il Potenza, società ben organizzata e sempre più consolidata tra i professionisti. Il Monopoli e il Potenza, pur non avendo delle rose attrezzate per puntare alla promozione diretta hanno tutto per mantenere posizioni di rilievo, per poi recitare la loro ai playoff.

Chi invece finora ha profondamente deluso le attese della vigilia sono Catanzaro e Catania. I calabresi, chiamati a disputare un campionato di vertice, sono usciti troppo presto dai giochi. Il cambio di panchina, che ha visto Grassadonia subentrare ad Auteri, non ha migliorato le cose facendo precipitare il Catanzaro lontano dalle prime posizioni.

Lo stesso discorso per il Catania, altra protagonista mancata per la lotta promozione. Il campionato degli etnei è stato condizionato da vicende extra campo che si sono inevitabilmente ripercosse sui risultati.

A prescindere dall’attuale classifica, nel corso di questo girone d’andata, si sono messi in evidenza diversi giocatori che stanno trascinando le proprie squadre a raggiungere risultati notevoli. Su tutti il capocannoniere del campionato e bomber della Reggina, Simone Corazza, il quale viaggia ad una media goal davvero invidiabile. Piacevole conferma per Giuseppe Della, dopo l’ottimo annata di Cava si sta ripetendo anche a Monopoli. Tra le piacevoli sorprese, non si può non menzionare la Vibonese di Modica. I rossoblù ,oltre a mettersi in mostra con un ottimo gioco, stanno rivalutando alcuni ragazzi interessanti. Il riferimento è per Emmausso, pienamente rilanciato dalla cura Modica e Filippo Berardi, il talentino titolare nella rappresentativa nazionale sanmarinese.

Al rientro della sosta natalizia ci si attende un girone di ritorno tutto di grande interesse, con il mercato di gennaio che darà la possibilità alle società di rafforzarsi per il raggiungimento degli obiettivi prefissati. Vedremo se tutto questo condurrà a nuovi scenari,  riteniamo sarà comunque difficile, per tutti, scalzare la leadership della Reggina.

Nella foto di copertina Filippo Berardi della Vibonese