EUROPEI UNDER 21, ITALIA A RISCHIO ELIMINAZIONE: ECCO I DISASTRI DEL CT DI BIAGIO

In questa prima fase degli Europei Under 21, la nostra rappresentativa (padrona di casa) rischia seriamente di essere eliminata. Si sapeva dalla vigilia che non sarebbe stato semplice per i nostri azzurrini, viste le prime due gare disputate, sono emersi ancora una volta i forti limiti da parte del ct, Luigi Di Biagio, il quale da quando è alla guida dell’Under 21 non è mai stato in grado di saper dare un’identità ad una Nazionale ricca di talenti. Il tecnico romano era già stato protagonista di clamorosi fallimenti, ma ciò nonostante è rimasto misteriosamente in sella, quando invece un altro, al suo posto, avrebbe ricevuto il ben servito.

In tanti si chiedono quali possano essere i meriti di Di Biagio per rimanere ancora al timone dell’Under 21. Soffermandoci al presente, queste due gare dell’Europeo ci hanno detto chiaramente che, questa Nazionale dipende solo dall’estro dei singoli. Con un ct che continua a sbagliare formazione iniziale e assetto tattico. Basti vedere lo schieramento della difesa a quattro contro la Polonia, per non parlare delle sostituzioni in corsa, a dir poco discutibili. Di Biagio, da quando è arrivato alla guida di questa rappresentativa azzurra, ha fatto solo tanti esperimenti che non hanno portato a nulla. Ad oggi non si vede un minimo di gioco, ma solo tanta confusione con conseguenti risultati modesti. C’è dunque il forte rischio di salutare anzitempo questa importante competizione, ospitata nel nostro Paese, per gravi responsabilità di un tecnico non all’altezza. Incapace di trovare delle soluzioni affinché l’Italia possa dire la sua fino alla fine.

Augurandoci che i nostri ragazzi riescano a superare il girone, ci piacerebbe sapere, in caso contrario, come si comporterà la Federcalcio nei confronti di questo selezionatore inadeguato a questo importate ruolo. L’esempio di Di Biagio, ci dà l’idea di un calcio clientelare, dove fai carriera solo se sei parte di un certo circuito e non per i propri meriti, infatti a distanza di anni ci domandiamo del perché un campione del mondo come Claudio Gentile sia stato silurato in malo modo. E’ stato l’ultimo ct alla guida dell’Under 21 a vincere e convincere.

Al di là di come si concluderà questo Europeo per la nostra Italia, bisogna augurarsi l’inizio di un nuovo percorso come è avvenuto per la Nazionale maggiore, affidandosi ad un profilo di commissario tecnico che abbia le idee chiare e sappia valorizzare al meglio il materiale umano a sua disposizione.