Esclusiva GraffisulPallone, Domenico Zito : “A Cittanova ho vissuto tre anni fantastici. Il mio futuro? Andrò dove mi porterà il cuore ”

In esclusiva ai microfoni dei #graffisulpallone.com, Domenico Zito, allenatore della Cittanovese, con la quale è stato protagonista di un’ottima stagione nel Girone I della Serie D. Nel corso di questa intervista, Zito, ha rilasciato dichiarazioni legate alla stagione appena conclusa con la compagine calabrese. Soprattutto sul suo futuro, che sicuramente non sarà a Cittanova. Il giovane tecnico, è intenzionato a proseguire un suo percorso professionale e di crescita. Nato nelle giovanili della Reggina, dove ha valorizzato tantissimi giocatori che oggi militano in Serie A, in questi tre anni alla guida della Cittanovese, Zito ha confermato di essere un valido tecnico. Di  saper lavorare bene con i giovani ed essere in grado di conseguire risultati eccellenti. Adesso è giunta l’ora di fare quel tanto atteso e meritato salto di qualità.

Abbiamo chiesto a Zito quali fossero le sue considerazioni sulla stagione appena conclusa con la  Cittanovese.

“Dopo 3 anni ritengo sia giusto fare nuove esperienze. Sono stati 3 anni intensi, ricchi di emozioni indimenticabili, Cittanova e la Cittanovese mi hanno dato tanto, da questa esperienza esco più maturo, più forte, più ricco in termini di conoscenze. Ho vissuto momenti esaltanti, ho avuto la fortuna di avere in questi 3 anni calciatori di alto spessore umano oltre che di qualità. Insieme abbiamo scritto pagine di sport che rimarranno nella storia del calcio cittanovese e non solo. Nel calcio si dice che il presente è già passato ma la memoria è un dono importante e chi ha memoria tra 30 anni dirà ai propri figli o nipoti che la Cittanovese di Mister Zito ed i suoi calciatori hanno sconfitto il Bari rifilandogli 3 goal cosa che prima di allora nessuno aveva fatto. Che la Cittanovese di Zito e company ha battuto il Messina per ben 2 volte, rifilandogli addirittura 5 goal al San Filippo. Che la Zito band ha battuto il gela rifilandogli 9 goal in due partita con un sonoro 0 6 in casa propria. Che la Cittanovese di Mister Zito ha sconfitto per ben due volte l ‘Acireale rifilandogli 8 goal in due partite una finita 5 a 0. Che la Cittanovese ha umiliato la Nocerina battendola in casa segnando 3 goal in 20’. Ho citato tutte squadre che poco tempo fa militavano in serie A (Bari e Messina) in B (Nocerina ed Acireale) ed in C (Gela). In due anni di serie D abbiamo segnato più di 100 goal, siamo stati il terzo miglior attacco dietro il Bari e la Turris, siamo stati la squadra che nei due anni di serie D ha mandato in goal più calciatori rispetto a tutte le altre squadre. 14 calciatori diversi. Noi la storia l’abbiamo scritta ed auguro alla Cittanovese che il suo futuro sia sempre più roseo perché lo merita la società, lo meritano i tifosi e lo merita una collettività sempre corretta e gentile. Un grazie infinito ai miei ragazzi al mio staff di professionisti esemplari ,il mister Prochilo, il professore Gullo, il “giaguaro” Giacobbe, il massaggiatore Marco Rosaci.

Sicuramente quello che ha fatto in questi anni alla guida della Cittanovese rappresenta qualcosa di straordinario, dalle sue dichiarazioni sembra certo che il suo ciclo con i giallorossi sia giunto al capolinea. A questo punto è d’obbligo chiederle dove sarà il suo futuro ?

“ Il mio futuro? Ho soltanto l’imbarazzo della scelta, voglio ponderare bene, aspetterò ancora qualche settimana poi prenderò la decisione giusta, non posso nascondere che potrei fare il salto in serie C (due squadre con uomini seri al comando mi hanno contattato ed il solo fatto che lo abbiano fatto mi lusinga) ma anche tornare nel mio mondo, che è  quello del calcio giovanile mi attrae tantissimo. Una squadra che milita in serie A proprio ieri mi ha offerto di guidare gli allievi nazionali. Ci sto pensando seriamente perché vuol dire spostarsi a 900 km di distanza, però la cosa mi affascina molto. Comunque alla fine andrò dove mi porta il cuore e certamente non sbaglierò”.