DARIO ODIERNA: AIC, VOLEVANO MANIPOLARMI E IMPORMI IL LORO CREDO

Riporto sui “graffi” lo sfogo, inviato da Dario Odierna a Marco Tardelli. L’esperto centrocampista della Battipagliese (sua città natale) esprime il suo rammarico per il comportamento discriminatorio assunto, nei suoi confronti, dal responsabile Aic della Regione Campania.  Antonio Trovato (questo è il nome della persona) accusa Odierna, dopo aver inutilmente tentato di manipolarlo, di averlo tradito e di avergli girato le spalle. Il tutto per aver espresso, democraticamente, la propria opinione su una esperienza frutto di un vissuto personale. Odierna si interroga sull’attuale sistema AIC e pone l’attenzione su di un sistema che ritiene poco chiaro.

Sig. Tardelli mi scusi l’ora e il disturbo vorrei girare ciò che mi è capitato circa 10 minuti fa.

Io sono inserito in un gruppo whatsapp AIC gestito dal nostro responsabile di regione che come le dicevo stasera, si è risentito particolarmente delle mie parole e che obbliga a pensarla come dice lui (cosa che io non farò mai) ma a prescindere da lei con tutto il rispetto di questo mondo, ma siamo in un paese democratico e con diritto di parola nonché libertà di pensiero. Le inoltro il messaggio che ha scritto Antonio Trovato (questo è il suo nome) il quale, dopo aver scritto ciò per giustificarsi con i membri del gruppo whatsapp, mi ha rimosso dal gruppo AIC (tra l’altro poco mi interessa perché io non condivido questa prostituzione mentale che lui vorrebbe fare con i “soldati” AIC)

Ragazzi buonasera a tutti, io penso che Antonio Trovato AIC e poi soprattutto come Amico, è stato sempre vicino a tutti i Calciatori. Il Ritiro Estivo EQUIPE CAMPANIA è stata una mia idea per dare una mano in Estate ai Calciatori nel loro momento di difficoltà e oltre a Prepararli Fisicamente lì ho aiutati (insieme ad uno Staff di persone eccezionali ) anche a trovare Squadra SENZA MAI CHIEDERE NULLA IN CAMBIO. Anzi una cosa vi ho chiesto e Pretendo RISPETTO. Come sapete l’AIC in un momento di Campagna Elettorale dove come ogni cosa ci sono Avversari non mi sarei mai aspettato da un Calciatore e soprattutto da un Soldato Equipe che potesse girarmi le spalle e tradire chi si è messo sempre a disposizione mettendosi e mettendoci sempre la Faccia per TUTELARE I CALCIATORI. Quindi mi dispiace ma sono stato costretto a rimuovere dal gruppo un Calciatore… (nella foto: Antonio Trovato)

Questo è ciò che ha scritto. Mi scusi il disturbo, ma dovevo farle presente di quanto accaduto. Deduca lei, mi farebbe piacere un suo giudizio in merito. Se è questo il calcio, preferisco farmi da parte ma lo dico con orgoglio e con convinzione. Le auguro una buona serata.

Talvolta l’indifferenza e la non curanza possono essere armi letali, le migliori per evitare di dare importanza ad eventi o addirittura al comportamento discutibile di alcune persone. Non pensavo che l’esporre una propria opinione, tra l’altro sciorinata da un vissuto puramente personale, potesse essere inteso come un affronto “politico” ed una mancanza di rispetto. È pur vero che democraticamente ognuno è libero di interpretare come meglio crede, o secondo un’intelligenza di base (che evidentemente latita), qualsivoglia analisi.

Ma attenzione a non travisare, a leggere tra le righe ciò che di recente ho scritto dettato da una riflessione su quanto vissuto e non un attacco gratuito a terzi, mai citati e per di più mai menzionati. Ciò nonostante ho riscontrato il parere solidale di tanti “colleghi” a cui mi è parso di aver dato voce con una mia (ripeto e sottoscrivo) personalissima constatazione. Il tutto culmina con la riconoscenza di Marco Tardelli (e non solo), cosa per me alquanto inverosimile, che ha destato chiaramente grande scalpore. Ragion per cui sono stato contattato per parlare, persuadermi ed “impormi” il loro credo, in quanto soldato Equipe e potenziale vittima strumentalizzata e manipolabile.

Offesa gravissima.

Non ho mai tergiversato, non perché io sia verità assoluta anzi, ma sulla base di cosa avrei dovuto farlo? Riscontri? Dati tangibili? Secondo quali principi, programmi o bilanci biografici (escludo quelli economici) dimostrereste il candore del vostro operato? Perché tanto ardore dopo una pura riflessione di vita? Medito e non poco…involontariamente ho colpito i meandri più fitti di un sistema complesso e poco chiaro? Io ritengo e sono fermamente convinto di non aver voltato le spalle a nessuno men che meno di averne tediato la suscettibilità. Se poi l’ho fatto, è un problema vostro.
Forse per questo sono stato rimosso dal gruppo AIC CAMPANIA senza un valido motivo (o forse sì, ho violato il regolamento, non ho eseguito gli ordini da buon soldato arruolato).

Ma non nutro rancore, piuttosto mi preme ringraziarvi per avermi dato l’occasione per far valere ancor di più ciò che penso ed avermi indicato la retta via. Non mi interessa la ragione, non mi interessa la fantomatica “campagna elettorale” che vi coinvolge, io resterò ciò che sono oggi più di ieri, ma con una grande ricchezza: esser stato portavoce di un disagio comune recondito spero un giorno risolvibile”.

Nella foto di copertina Dario Odierna