CROTONE, E’ ODDO L’UOMO GIUSTO PER RIPARTIRE?

Undici punti in nove partite sono un bottino troppo magro per un Crotone che ad inizio stagione puntava a stare nella parte alta della classifica del campionato di Serie B.
Il pareggio casalingo di lunedì sera contro la Salernitana di Colantuono è stata la classica goccia che ha fatto traboccare un vaso che era ormai colmo da un po’ di tempo. Non è bastato a Stroppa vincere sette giorni prima allo Scida contro il Padova per ricucire lo strappo con la società che probabilmente si era aperto subito dopo le due sconfitte contro Verona in casa e Pescara in trasferta. Poi il pareggio tra le mura amiche con il Brescia, seguito dal KO di misura in Sicilia contro il Palermo.


Proprio dopo la sconfitta del Barbera, il tempo di Stroppa sulla panchina pitagorica sembrava ormai finito. Invece no, ma forse è stato peggio così. Dopo Palermo, infatti, in città circolava con insistenza il nome di Massimo Oddo e questo la dice lunga circa la fiducia che in realtà la dirigenza rossoblù nutriva ancora nei confronti di Stroppa. Nel calcio, si sa, non basta un comunicato stampa per rinnovare realmente la fiducia a un allenatore. Stroppa si è seduto sulla panchina del Crotone già da esonerato in occasione della sfida casalinga vinta contro il Padova.
Una vittoria importante ma che non ha rasserenato più di tanto il clima in casa Crotone. Si aspettava solo un mezzo passo falso per dare il ben servito al tecnico e puntualmente è arrivato lunedì sera contro la Salernitana. La parentesi Stroppa a Crotone finisce qui, dopo un pareggio, non dopo una sconfitta. Può bastare questo per confermare tutto ciò che abbiamo scritto finora.
E’ abbastanza inusuale un esonero che arriva dopo un pareggio, per giunta contro una squadra, la Salernitana, che sta disputando un buon campionato ed è in posizione play-off. Via Stroppa, dentro Oddo. Dopo l’esperienza all’Udinese, il campione del mondo riparte dalla Calabria, sarà in panchina a partire da domenica in casa contro il Carpi, mentre domani sera a Lecce sulla panchina pitagorica siederà Ivan Moschella, allenatore della Primavera.


Oddo è un tecnico giovane e preparato che nella sua brevissima carriera da allenatore ha già ottenuto una promozione dalla Serie B alla Serie A con il Pescara, vincendo la finale play-off contro il Trapani di Serse Cosmi. Probabilmente è proprio questo il motivo che ha spinto la dirigenza calabrese a puntare sull’allenatore abruzzese. Oddo sa come si conquistano i play-off e soprattutto come si vincono.

E’ lui l’uomo giusto dal quale ripartire? A Crotone ci sperano, il campionato è ancora lungo e imprevedibile. A Oddo l’arduo compito di riportare in alto il Crotone.

Leave a Reply

*

code