Covid, debiti, rinvii e chiacchiere riducono il calcio in cenere 

Cevip investigations partner Graffi sul PalloneParafrasando il più famoso proverbio ” Bacco, tabacco e venere riducon l’uomo in cenere” voglio  purtroppo dirvi che le cose nel calcio, come nella vita di tutti i giorni, stanno andando nuovamente  a rotoli. La pandemia sta coinvolgendo, appunto, anche il sistema calcio.

Sembrava tutto in via di risoluzione, sembrava che il Covid lentamente, ma inesorabilmente, stesse  sparendo dalle nostre vite. Sembrava ormai, sarebbe diventato un ricordo, soltanto un brutto ricordo, ma di  quelli che ti inorgoglisce averlo superato. Invece… 

Invece i contagi aumentano, le varianti si moltiplicano, gli ospedali scoppiano e i vaccini? I vaccini scarseggiano… 

Le partite vengono nuovamente rinviate, le presenze allo stadio vengono nuovamente contingentate e l’ombra di una nuova crisi si riaffaccia sul panorama  mondiale. 

Chi ne soffre di più, ovviamente, sono le attività non strettamente legate alla pura e semplice  sopravvivenza.

In primis il calcio, gli altri sport, lo spettacolo, il divertimento e quant’altro. I pochi soldi a disposizione del popolo, ovviamente, vengono spesi per il cibo e gli  approvvigionamenti per beni di prima necessità. 

E’ chiaro a tutti, ormai, che un po’ in tutto il mondo, si sta tornando al primo gradino della famosa  piramide di Maslow, detta anche scala dei bisogni. Secondo questo filosofo, appunto, il genere  umano non può passare ad un gradino successivo se prima non riesce a superare il gradino precedente. 

Quindi se prima non è a posto con i bisogni primari fisiologici, di salute e di sicurezza economica  non potrà certamente pensare allo sport, al divertimento, all’autorealizzazione, all’ arte e  quant’altro inerente ai bisogni secondari. 

Nel calcio stiamo assistendo a una serie di rinvii delle partite in programma e all’applicazione di nuove  regole restrittive (presenze negli stadi). Riguarda il Covid. Per cui è palese che, a breve, tutto il sistema andrà nuovamente  in sofferenza. Sofferenza burocratica, amministrativa e, come sempre accade di riflesso, Finanziaria. Se le cose continuano così si dovrà nuovamente rinunciare a giocare o a farlo a porte chiuse, con  mancati introiti, si dovranno eseguire nuovi vaccini e tamponi con dispendio di denaro, si avranno a  disposizione meno fondi e incentivi. 

A tal proposito è lecito rivolgere un appello agli Organi preposti e chiedere una maggiore attenzione a  quello che è il primo gradino del calcio professionistico. 

I fondi messi a disposizione delle squadre di Lega Pro sono veramente esigui. I presidenti non  riescono più a far fronte a tutti gli oneri e le incombenze finanziarie, che sono uguali a quelle che debbono sostenere i club di  serie A, ma con risorse di molto inferiori.

Nei mesi di gennaio e febbraio, sono concentrate scadenze importanti e incombenze finanziarie oltremodo onerose. Il Governo ha il dovere prevedere dei ristori mirati anche per i “poveri” presidenti della terza serie. Con il Covid i  problemi si sono aggravati ulteriormente. Mancati introiti per mancati incassi ai botteghini,  per mancati ricavi da minutaggio (in quanto non si gioca) e, se non si gioca con regolarità, ritardi nei pagamenti da parte degli sponsor (in numero sempre inferiore). 

La sostenibilità, per le società di Lega Pro, continua ad essere un miraggio. La pandemia, perdurando, potrebbe dare il colpo decisivo al calcio della terza serie. Il Governo sta adottando provvedimenti importanti, a livello nazionale, in favore di tutti i settori, dell’industria e del commercio. Non può “trascurare” l’industria del calcio. Una delle principali nel settore imprenditoriale della Nazione. Il sistema calcio, appunto, attorno al quale ruotano interessi notevoli che coinvolgono il turismo, i trasporti, l’abbigliamento e molto altro ancora. Senza dimenticare i proventi che vanno allo Stato frutto delle giocate sull’esito delle partite di tutte le categorie. Nel Paese dei campanili il calcio ha sempre recitato un ruolo determinante. Giusto che chi ci governa lo tenga nella dovuta considerazione.

Il fallimento del sistema calcio produrrebbe danni devastanti.

Se a tutto ciò aggiungiamo una serie di notizie distorte che vengono divulgate, fake news (notizie false), chiacchiere “da  bar” o peggio da “salone da barbiere”, discorsi di “tuttologi” o di gente comune che si autodefinisce  allenatore, direttore sportivo o addirittura presidente, ne esce un quadro simile o forse peggiore  della “Longobarda”. La famosa squadra immaginaria allenata da Oronzo Cana’ (alias Lino Banfi) nell’altrettanto famoso  film “L’ allenatore nel pallone”! 

La salute, senza dubbio, prevale su ogni altra cosa. Dobbiamo adeguarci a quelle che saranno le  misure atte a prevenire o limitare i contagi, anche al fine di accelerare la normale ripresa di tutte le  attività agonistiche e non. Giocare tutti in contemporanea, per non creare ulteriori disparità fra le varie squadre,  che potrebbero portare a difficoltà insuperabili. 

Ponendo l’attenzione sul presente dei colori rossoblu di casa nulla di eccessivo o eclatante da evidenziare.

Salvo ulteriori rinvii, la prossima partita del Taranto dovrebbe giocarsi domenica 23 gennaio tra le mura di casa ,contro la  Paganese . La partita interna contro il Campobasso prevista per il 9 gennaio è infatti slittata al 2 febbraio, così come quella con il Palermo che dovrà giocarsi il 22 febbraio dello stesso mese. 

Speriamo non emergano altri intoppi per poter finalmente dare il colpo finale per il raggiungimento dell’obbiettivo prefissato.  La matematica salvezza. Per poi poter magari pensare ad obiettivi ancor più nobili. 

Tuttavia non possiamo abbandonarci ai lamenti o a critiche e polemiche sterili . Dobbiamo tutti reagire a questo stato di cose, cercando di ricevere il male minore in tempi di magra  e il massimo utile nei momenti buoni. 

Forse cantare il nostro mitico motto di battaglia ci aiuterà a scacciare gli spettri e le malvagità ed  allora gridiamo tutti insieme “una partita alla volta un avversario alla volta tre punti alla volta”.

Io  da quest’anno non voglio più crederci, ma esserne sicura! 

Bye bye bella gente

Comments (7)

  1. viagra over the counter – sildenafil 25 mg purchase viagra for sale

  2. buy prednisolone 20mg generic – gabapentin 800mg cheap buy tadalafil 10mg sale

  3. order augmentin 375mg for sale – buying cialis cheap cost cialis

  4. cheap trimethoprim – sildenafil ca sildenafil drug

  5. cephalexin 125mg cost – cleocin 150mg sale order erythromycin without prescription

  6. sildenafil online order – buy nolvadex 10mg buy ivermectin for humans uk

  7. buy rhinocort for sale – buy disulfiram online order generic disulfiram 500mg

Leave a Reply

*

code